Main Offender

Due piccoli topini

Entra Michele, circa 7 anni, cappello da uomo troppo grande, pistola ad acqua infilata nei pantaloncini. Gambe e braccia sono segnate dai lividi. Si guarda intorno spavaldo, poi si siede su una seggiola e tamburella le ditine sul tavolo.

Michele: “Andyyyyyy!”

Entra Andrea, circa 5 anni, due pistole ad acqua infilate nei pantaloncini, occhiali da sole con montatura verde rana. Si muove zoppicando un po’, una gamba gli fa male. Alla fine casca seduto su un’altra seggiola.

Andrea: “Bella lì Mike. Scusa il ritardo ma c’era un traffico dannato giù a New York”
Michele: “Ok, Andy, versa il whisky”

Andrea versa the freddo da una bottiglia con scritto “Civas Rigal” a pennarello. Sui bicchieri è dipinto un Paperino un po’ arrabbiato. Michele sorseggia e finge di accendersi un sigaro di liquirizia.

Michele: “Wow è forte questo whisky. Qualcuno stanotte salderà il suo debito con la mala.”
Andrea: “Wow chi vuoi far fuori?”
Michele: “Il bastardo. Troppi grattacapi. E poi hai visto quello che fa sempre.”
Andrea: “Sì.”
Michele: “Anche alla Vecchia.”

Andrea serra le labbra. Michele sbuffa aria a mo’ di fumo.

Andrea: “Hai ragione Mike, è ora di finirla. Hai già il piano?”
Michele: “Eccome no! Lo prendiamo quando rientra a casa.”

Andrea guarda l’orologino Disney che ha al polso, segna le sei e un quarto. Guarda Michele negli occhi, un po’ incredulo.

Andrea: “Cioé fra poco.”
Michele: “Sì. Quando lui arriva a casa si butta nella vasca e ascolta la sua radiolina, e la radiolina è attaccata alla corrente”
Andrea: “E la corrente con l’acqua gioca brutti scherzi Mike!”
Michele: “Eccome no! Entriamo per lavare le mani, e veloce veloce diamo un colpetto e splashhhhh, tanto la vasca è lì vicino al lavandino. Ballerà la tarantola e poi più niente.”

Andrea si sistema i pantaloncini che gli si sono bloccati tra le chiappe. E’ pensieroso.

Andrea: “E se non funziona?”
Michele: “Funziona. Facciamo il patto col sangue?”
Andrea: “Sì”

Andrea prende una penna rossa e si colora una macchia rotonda sul polso sinistro. Passa la biro a Michele che fa altrettanto. I due bambini si strofinano i polsi e si guardano con aria di intesa. Passa qualche secondo.

Entra Mamma, l’aria dimessa, il volto stanco e segnato da qualcosa che non si dice.

Mamma: “Bambini su muovetevi, papà è tornato, si sta preparando il bagno”

I bambini si guardano, si stringono le manine l’un l’altro. Cala il sipario.

Annunci

2 commenti »

  1. “Ballerà la tarantola” è un tocco di classe ;)

    Commento di Arumi — 4 settembre 2007 @ 10:42 | Rispondi

  2. Grazie :-)

    Commento di offender — 4 settembre 2007 @ 10:49 | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: